Chirurgia Plastica Mini Invasiva a Milano
Il bruciore quando si va in bagno: perché accade?

Chirurgia Plastica Mini Invasiva a Milano

Il bruciore alla defecazione

quando defecare diviene un problema irritante
Senti cosa dicono della Dottoressa i suoi pazienti su mioDottore.it:
Chirurgo Proctologo in centro a Milano
‟Molto competente, empatica e precisa, mi ha dato diverse soluzioni per risolvere il mio problema."
Stella
Chirurgo Proctologo in centro a Milano
‟Molto gentile, attenta all'ascolto e disponibile. Ho ricevuto più chiarezza e coinvolgimento rispetto ad altre esperienze, grazie anche a strumentazione digitale all'avanguardia. Sentirmi seguito in un percorso mi dà più fiducia. Complimenti anche ai colleghi."
Davide
Chirurgo Proctologo in centro a Milano
‟Grandissima professionista, competente, attenta ed esaustiva nelle spiegazioni della propria patologia. Grandi professionisti tutti, attenti ad ogni esigenza, ambiente amichevole-familiare."
Nicoletta
Immagini di interventi medici
ATTENZIONE
La pagina che stai per leggere può contenere immagini mediche e diagnostiche di patologie e terapie, che potrebbero essere non adatte ad un pubblico particolarmente sensibile.
Contenuto non generato da un'AI
NOTA BENE
Il contenuto di questa pagina NON È stato generato da un software di Intelligenza Artificiale generativa.
Tutte le informazioni sanitarie che stai per leggere sono state scritte da informatori sanitari professionisti, e revisionate da Medici regolarmente abilitati alla professione.
Proctologo in Centro a Milano
La Dottoressa è qui per aiutarti.
Contatta ora il tuo
Chirurgo Proctologo a Milano,
e ti richiamerà:

Questo modulo è sicuro e protetto da Google ReCAPTCHA
Sommario della paginaSommario della pagina [NASCONDI]
Condividi questa pagina

Luisella Troyer - MioDottore.it
Proctologo in centro a Milano

provi un fastidioso bruciore quando stai defecando?

a volte, questo bruciore è così intenso da compromettere la qualità della tua evacuazione, e ti spaventa così tanto da avere forse sviluppato una sorta di stipsi?

l’evacuazione è un momento di rilassamento per il nostro organismo, che viene giustamente percepito come necessario e, idealmente, appagatorio.

Vuoi contattare rapidamente la Dottoressa?
Lascia il tuo numero e ti richiamerà subito!

provare bruciore o fastidio durante l’atto evacuativo non è normale, e spesso può compromettere, alla lunga, le buone abitudini fisiologiche.

leggi questa pagina scritta dalla Dott.ssa Luisella Troyer per sapere che cos’è il bruciore durante l’evacuazione, e quello che può essere fatto per risolverlo.

La defecazione, un atto fisiologico imprescindibile per il nostro benessere

Proctologo in centro a Milano

la defecazione è quello’atto fisiologico, naturale e necessario, che permette al nostro corpo di scaricare gli scarti dell’alimentazione, non necessari al nostro metabolismo e privi di nutrienti, chiamati feci.

durante la defecazione i muscoli sfinteri si rilassano, l’orifizio anale si apre e dall’ampolla rettale le feci vengono spinte fuori, effettuando la scarica.

questo processo è percepito come rilassante, appagante e, in linea generale, liberatorio.

non devono essere percepiti dolori o bruciori, e non devono esserci sanguinamenti o eccessivi residui di muco.

le feci fuoriuscite dall’ano devono avere forma consistente, morbida, cilindrica, dall’odore non eccessivamente pungente e dal colorito variabile, ma né troppo chiaro e né troppo scuro.

in condizioni normali, la defecazione è un atto giornaliero (mattino o sera poco importa, e varia in base alle abitudini fisiologiche di ognuno), sebbene variazioni a questa regolarità quotidiana sono molto frequenti e non necessariamente patologiche.

qualsiasi condizione che deroghi a queste caratteristiche dovrebbe dunque essere vista con sospetto, e considerata un campanello d’allarme per possibili disfunzioni o condizioni patologiche.

Perché si prova bruciore quando si defeca?

provare la sensazione di bruciore durante la defecazione non è un sintomo normale, e non rientra dunque nell’atto fisiologico.

quando si sperimenta la sensazione di bruciore durante la defecazione è sempre perché, nel canale ano-rettale, è presente una lesione, un’irritazione, una flogosi o comunque una condizione patologica che ha infiammato la delicata mucosa interna.

spesso, chi percepisce il bruciore durante evacuazione riferisce che esso si manifesti in maniera più intesa proprio al passaggio delle feci nell’orifizio anale, per poi scemare una volta concluso l’atto.

ciò è indicativo di una lesione o comunque zona lesionata che, al passaggio delle feci (cariche sostanzialmente di batteri) reagisce con la sensazione del bruciore.

Quali sono le cause del bruciore durante l’evacuazione?

Proctologo in centro a Milano

la proctite è una delle cause del bruciore durante la defecazione

il bruciore durante l’evacuazione è un sintomo, che indica un danneggiamento ai tessuti della mucosa ano-rettale oppure della cute peri-anale.

questo danneggiamento può essere causato da una lunga lista di condizioni patologiche, tra le quali possiamo citare come principali:

  • Le emorroidi patologiche e prolassate;
  • Una ragade anale;
  • Una proctite o un’anite;
  • I condilomi anali;
  • La condizione di ‘ano umido’

in generale, qualsiasi evento che comporti una lacerazione o un’infiammazione della mucosa anale o della cute peri-anale può dare origine al sintomo del bruciore durante l’evacuazione.

statisticamente, la maggior parte dei casi di bruciore sono riportati da pazienti con emorroidi patologiche croniche, mal o mai curate nel passato, che comportano frequenti recidive, alternate a periodi di remissione.

Le emorroidi patologiche e il bruciore durante l’evacuazione

Proctologo in centro a Milano

emorroidie estrusa e congestionata, di ii grado

le emorroidi sono delle conformazioni vascolari presenti nella normale anatomia umana, posizionate all’interno del canale anale.

sono essenzialmente dei cuscinetti formati da vene ed arterie unite tra di loro (anastomizzate, in gergo medico), che hanno lo scopo primario di vascolarizzare tutto il canale anale.

in condizioni di normalità, le emorroidi non danno alcun problema, e rimangono dentro il canale anale senza recare disturbo.

capita però che, a causa di fattori scatenanti o predisposizione genetica, il tessuto delle emorroidi si sfibri, portando ad una loro congestione e ad un loro prolasso, dando dunque origine alla patologia emorroidale.

la patologia emorroidale è una malattia cronica e, se non trattata, degenerativa.

ciò vuol dire che se il prolasso emorroidale non è curato, col tempo peggiora, aumentando e scendendo sempre più in basso, fino ad estrudere dall’orifizio anale, dando origine allo stadio più grave delle emorroidi patologiche, cioè il IV grado (emorroidi non più riducibili).

le emorroidi prolassate sono estremamente delicate: rigonfie di sangue, vengono costantemente a contatto con le feci, che possono lacerarle e, dunque, sanguinare.

queste lesioni, come qualsiasi altra ferita, possono provocare dolore e bruciore, che diventa più sostenuto proprio al passaggio delle feci, cariche di batteri.

il bruciore anale durante l’evacuazione, spesso unito ad ematochezia (sanguinamento anale) è dunque uno dei sintomi che devono far sospettare di un prolasso emorroidale, e spingere dunque il paziente ad una visita proctologica.

La ragade anale

Proctologo in centro a Milano

la ragade anale è una lesione dolorosa del canale anale, che può bruciare molto al passaggio delle feci

una ragade anale è una lesione del canale anale o dell’orifizio anale caratterizzata da una lenta o del tutto assente cicatrizzazione.

si forma sempre verticalmente, e segue in genere le plissettature dell’ano.

a livello medico, la ragade è assimilabile ad una vera e propria ulcera, poiché con quest’ultima condivide le caratteristiche di base, quali:

  • Lenta o assente cicatrizzazione;
  • Formazione di tessuto di granulazione cronico;
  • Indurimento dei margini e riduzione della vascolarizzazione del fondo della piaga

la ragade origina da una piccola lesione al canale anale o all’orifizio anale che, in determinate condizioni, non riesce a guarire per una mancanza di adeguata ossigenazione dei tessuti.

tale insufficienza vascolare è spesso causata dai continui spasmi dello sfintere interno (un muscolo involontario, a forma di ciambella) che, proprio stimolato dalla ragade, si contrate con un ipertono che diminuisce l’afflusso di sangue, impedendo alla ferita di guarire.

in pratica la ragade alimenta sé stessa, come il classico cane che si morde da solo la coda.

essendo una lesione aperta, spesso sanguinolenta e a volte talmente profonda da arrivare sino al muscolo sfintere, al contatto con le feci la ragade da fortissimo dolore, unito ad altrettanto grande bruciore.

il dolore e il bruciore della ragade sono difficilmente sopportabili, e spesso perdurano per ore dopo evacuazione, diminuendo di molto la qualità di vita del paziente.

assieme alle emorroidi patologiche, la ragade è la lesione benigna del canale anale più comune, che richiede trattamenti proctologici specifici.

Consigli proctologici

Bisognerebbe evitare sempre di iniziare terapie auto-gestite in caso di bruciore anale, ancor peggio se si decide di far uso di creme o pomate da banco.

Purtroppo, il business farmacologico delle emorroidi è enormemente ghiotto per molte aziende senza scrupoli, come ad esempio una (ben nota) che martella costantemente con la pubblicità di una crema per il prolasso emorroidario.

Tale crema, oltre a non curare minimamente la causa scatenante delle emorroidi (lo sfiancamento dei tessuti causato da un'iper-pressione anormale dell'addome), illude il paziente con un effetto palliativo, dato dalla presenza di lidocaina (un anestetico locale).

Ovviamente, finito l'effetto dell'anestetico, il fastidio delle emorroidi prolassate ritorna, punto e a capo.

La dermatite del canale anale e rettale: l’anite e la proctite

Proctologo in centro a Milano

anite causata da feci diarroiche ed acidificate

la dermatite è una condizione di infiammazione della pelle (flogosi, in gergo medico) causata da svariati fattori, sia irritativi che infettivi (ad esempio, un attacco batterico o parassitario).

nella dermatite la pelle si arrossa, la zona si gonfia di sangue e appare spesso dolente e pruriginosa.

quando la dermatite affligge l’orifizio anale o la cute peri-anale, si parla più propriamente di anite.

quando l’infiammazione si spinge più in alto, su per il retto, si parla più opportunamente di proctite.

l’anite e la proctite, oltre a dolere e a prudere, danno anche come sintomo quello del bruciore durante la defecazione, per via del passaggio delle feci sulla delicata mucosa ano-rettale, infiammata ed arrossata.

ci sono moltissime cause per cui l’ano e il retto possono infiammarsi e arrossarsi, ma tra le principali possiamo ricordare: le emorroidi patologiche, una ragade anale, un’incontinenza fecale con perdita continua di feci, una condilomatosi, una parassitosi (ad esempio, una candidosi) oppure per irritazione chimica (ad esempio l’uso inopportuno di detergenti particolarmente aggressivi).

La condilomatosi

i condilomi anali sono delle lesioni pre-cancerose sintomo dell’infezione da HPV (Human Papilloma Virus), ovverosia il virus del Papilloma umano.

si presentano essenzialmente in due forme: le verruche piatte e quelle invece acuminate (a ‘cresta di gallo’, come vengono chiamate in gergo).

possono colpire tutto il canale ano-rettale, compresa la cute peri-anale e quella genitale, da cui spesso si muovono per auto-inoculazione del paziente (che si tocca o si depila, portando il virus in altri distretti del corpo).

generalmente sono lesioni asintomatiche, ma in una percentuale inferiore di casi possono portare a bruciore, prurito e fastidio della zona anale e peri-anale, nonché sanguinamenti da sfregamento.

la mucosa adiacente ai condilomi, inoltre, potrebbe tentare di difendersi dall’aggressione del virus, aumentando la produzione di muco e, conseguentemente, dare origine al fenomeno dell’ano umido, che a sua volta è pioniere di proctiti e aniti.

Consigli proctologici

In condizioni di normalità, la defecazione dovrebbe essere un atto giornaliero, soddisfacente e rilassante.

Non dovrebbero esserci dolori, particolari sforzi durante il ponzamento né, ovviamente, sanguinamenti o bruciori.

Quando ciò accade, è sempre bene rivolgersi ad un Medico Proctologo, per la necessaria ispezione proctologica.

L’ano beante e l’incontinenza fecale

in Proctologia, per ‘ano beante’ s’intende un orifizio anale che, in fase inattiva, invece di essere ben serrato, rimane parzialmente aperto, facendo dunque fuoriuscire muco, gas e residui fecali.

i motivi di questa incontinenza possono essere i più svariati, ma solitamente sono associati ad una lesione, o comunque un danneggiamento dei muscoli sfinteri.

tale danneggiamento ha a sua volta differenti cause: nella maggior parte dei casi, la lesione è data durante il parto, e la conseguente iper-pressione della zona pelvica.

vi sono poi condizioni patologiche che possono danneggiare gli sfinteri anali, quali le emorroidi patologiche e il loro prolasso, gli ascessi anali e le fistole anali, così come gli interventi chirurgici atti a risolvere proprio tali problematiche, che a volte (giocoforza) lasciano delle condizioni cicatriziali permanenti.

vi sono poi condizioni patologiche congenite ed autoimmuni, come ad esempio le malattie croniche dell’intestino (la rettocolite ulcerosa o la malattia di Crohn, ad esempio) che possono giocare un ruolo di primo piano nell’incontinenza fecale.

non sono poi da sottovalutare le cause di origine squisitamente neurologica, come quelle portate dalle lesioni del midollo spinale, un ictus o la sempre onnipresente neuropatia diabetica.

Cosa fare quando si sperimenta il bruciore durante l’evacuazione?

come detto in precedenza, il bruciore durante la defecazione è il sintomo di una lesione, o comunque un’infiammazione, della mucosa ano-rettale o della cute peri-anale.

la causa di questa infiammazione è l’obiettivo dell’indagine medica, che deve essere condotta dallo specialista di riferimento, ossia il Medico Proctologo.

se dunque sperimenti del bruciore durante l’evacuazione, la cosa più sensata da fare è quella di effettuare una visita proctologica specialistica con un Medico Proctologo.

il Medico Proctologo è difatti lo specialista sanitario perfezionato in tutte le affezioni dell’ano e del retto, con grande esperienza nella diagnosi delle cause del bruciore anale.

è a lui quindi che ti devi rivolgere per capire l’ordine del bruciore, e per farti prescrivere la terapia adeguata.

il tuo proctologo d'eccellenza in centro a milano

la Dott.ssa Luisella Troyer è un Chirurgo Vascolare, perfezionata in Proctologia e Colonproctologia, che riceve a Milano, presso lo studio Salus Mea in Via della Moscova, 60.

nello studio, modernamente attrezzato, la Dottoressa eroga visite mediche specialistiche di Chirurgia Vascolare e Colonproctologia, per diagnosticare e risolvere problemi proctologici come:

nello studio, la Dottoressa effettua anche trattamenti mini-invasivi, come la cura delle emorroidi prolassate con l'innovativa scleromousse stabilizzata ad aria sterilizzata.

Per le sue diagnosi e le visite proctologiche, la Dott.ssa Luisella Troyer utilizza l'eccellenza della tecnologia diagnostica, come il moderno videoproctoscopio in alta definzione, per la Videoproctoscopia Endoscopica Elettronica.

lo studio Salus Mea dove visita la Dott.sa Luisella Troyer è nel cuore di Milano, ed è facilmente raggiungibile con la Linea Metropolitana MM2 (Linea Verde) fermata Moscova.

se vuoi raggiungere lo studio in autovettura, ricorda che lo studio è nella Zona a Traffico Limitato di Milano (Area C), quindi ti servirà il pass (clicca qui per tutte le informazioni e per acquistarlo).

se vieni da fuori Milano in treno, puoi scendere alla stazione Milano Centrale o Porta Garibaldi, prendere la linea MM2 (Linea Verde), e scendere alla fermata Moscova.

Proctologo in centro a Milano
La Proctologia d'eccellenza a Milano.
Senza dolore, per farti stare bene.

Contenuti sanitari scritti da umani
Tutti gli articoli sanitari presenti in questo sito sono stati scritti da Medici o informatori sanitari.
Le informazioni sanitarie sono date secondo i principi di scienza e coscienza, senza ausilio di algoritmi generativi.
Tutti gli articoli sanitari sono materiale originale, attendibile, verificato e inviato all'Ordine provinciale di appartenenza.
Nessun articolo è stato scritto, anche parzialmente, da un'intelligenza artificiale generativa.

Proctologo in centro a Milano
Quindi ricorda che...
  • la defecazione è un atto solitamente giornaliero, che non deve causare dolori, bruciori o sanguinamenti;
  • il bruciore durante l'evacuazione non è normale, e deve sempre far sospettare di un danneggiamento o irritazione dei tessuti ano-rettali;
  • le emorroidi patologiche possono portare ad infiammazione della mucosa anale, con conseguente bruciore;
  • la ragade anale è una lesione del canale anale, che sovente può dare luogo a bruciore e sanguinamento;
  • l'anite è una dermatite dell'ano e della zona peri-anale, e il bruciore è uno dei suoi sintomi tipici;
  • la macerazione della cute peri-anale dovuta all'incontinenza fecale provoca spesso violenta dermatite, con conseguente bruciore anale

Avviso deontologico medico
Nota deontologica

La Proctologia, in Italia, non ha ancora una Scuola di Specializzazione riconosciuta dal Ministero dell'Istruzione.

Non è quindi legalmente possibile riportare l'aggettivo 'specialista' al Medico Proctologo, poiché tale titolo accademico è riservato solo al Medico che, legalmente, ottiene un Diploma di Specializzazione.

Come branca della Medicina, la Proctologia può essere inquadrata come disciplina chirurgica, che può però allargarsi ed intendersi perfezionamento della Gastroenterologia, della Dermatologia, della Chirurgia Vascolare, dell'Oncologia, della Infettivologia e, non ultimo, anche della Ginecologia.

Questo vuol dire che la formazione del Medico che intende definirsi 'Proctologo' è effettuata prevalentemente sul campo, attraverso l'esperienza diretta e i casi clinici affrontati e risolti, nonché del continuo studio ed aggiornamento professionale.

La Dott.ssa Luisella Troyer, iscritta all'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Milano, tiene dunque a precisare che ella è un Medico Chirurgo Specialista in Chirurgia Vascolare, e perfezionata poi Proctologo durante il suo trentennale esercizio della professione medica.

Chirurgo Vascolare Proctologo a Milano Dott.ssa Luisella Troyer

Quest'articolo è stato revisionato ed aggiornato dalla Dott.ssa Luisella Troyer il giorno:

domenica 11 febbraio, 2024

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico Chirurgo, specializzata in Chirurgia Vascolare e perfezionata in Proctologia.

Sin dal suo percorso come specializzanda, la Dottoressa ha avuto a cuore lo studio e la cura delle patologie proctologiche, in particolar modo delle emorroidi e dei prolassi emorroidari.

Ha accumulato, nel corso del suo esercizio come Chirurgo, circa 5000 ore di sala operatoria come primo operatore, di cui circa 120 di emorroidectomia Milligan-Morgan.

È uno dei primi Medici ad aver studiato e sperimentato la terapia con scleromousse per le emorroidi patologiche, che la Dottoressa ha giudicato d'elezione per il trattamento non traumatico dei prolassi emorroidari, con statistiche di risoluzione superiori al 95% e pertanto spesso comparabili con l'accesso chirurgico.

In ogni sua visita proctologica la Dottoressa utilizza, a complemento della valutazione clinica, un moderno videoproctoscopio totalmente digitale, di sua ideazione e realizzazione, in grado di catturare in tempo reale flussi video in alta risoluzione, che compone l'esame specialistico denominato Videoproctoscopia Endoscopica Elettronica.

ti potrebbero interessare anche i seguenti contenuti:
Senti cosa dicono della Dottoressa i suoi pazienti su mioDottore.it:
Chirurgo Proctologo in centro a Milano
‟Molto competente, empatica e precisa, mi ha dato diverse soluzioni per risolvere il mio problema."
Stella
Chirurgo Proctologo in centro a Milano
‟Molto gentile, attenta all'ascolto e disponibile. Ho ricevuto più chiarezza e coinvolgimento rispetto ad altre esperienze, grazie anche a strumentazione digitale all'avanguardia. Sentirmi seguito in un percorso mi dà più fiducia. Complimenti anche ai colleghi."
Davide
Chirurgo Proctologo in centro a Milano
‟Grandissima professionista, competente, attenta ed esaustiva nelle spiegazioni della propria patologia. Grandi professionisti tutti, attenti ad ogni esigenza, ambiente amichevole-familiare."
Nicoletta
Contatta ora la Dott.ssa Luisella Troyer,
è qui aiutarti a stare bene,
con la Proctologia d'eccellenza a Milano.
* Compila il modulo, oppure chiama lo 348.96.89.650 *
Tutti i campi con * sono obbligatori

Questo modulo è sicuro e protetto contro i bot da Google ReCAPTCHA